AFRODISIACI  NATURALI

Quando la Natura aiuta l' Eros (informazioni scientifiche)

Fra gli AFRODISIACI naturali le erbe occupano sicuramente un posto preminente. Nella nostra epoca  infatti lo stress,
l'esasperata competizione e un qual certo impoverimento del ruolo maschile nella societá  hanno contributo ad aumentare la richiesta di aiuto per sviluppare la potenza sessuale del maschio.A parte l'ormai famosissimo Viagra recentemente apparso sul mercato quale potente farmaco virilizzante, da utilizzare comunque con molta cautela date le sue numerose controindicazioni, da sempre l'uomo si é rivolto alle piante per ottenere quell'aiuto che in determinati momenti o periodi di vita era necessario per potersi mantenere all'altezza delle aspettative della propria partner. Nel corso dei secoli l'uomo ha cosi creato un elenco sempre piú grande di piante con vere o presunte proprietá afrodisiache delle quali alcune hanno resistito alla prova del tempo per cui anche la scienza moderna riconosce loro una buona attivitá in tal senso.

Tra le più importanti e note anche in occidente è la DAMIANA botanicamente nota come turnera diffusa o turnera afrodisiaca, una pianta che cresce nel Centro America e particolarmente in Messico la quale veniva tradizionalmente usata quale potente stimolante sessuale sia per uomo che per donna. La damiana è un piccolo cespuglio con foglie ovoidali lisce verde pallido e con fiori gialli, ne veniva fatto un infuso che veniva bevuto 1 o 2 ore prima del rapporto sessuale per ottenere più partecipazione nella donna e più vigore nell' uomo. La damiana contiene  0,5% ca di olio essenziale, 3,5 % di tannini,  14% di resina ed un principio amaro chiamato damianiana, L' olio essenziale puro provoca uno stato di euforia che può raggiungere e superare le 2 - 3 ore.  In occidente si adoperano in genere gli estratti o l' erba polverizzata.

Altra pianta usata in Brasile, di cui è originaria, è la "Ptycopetalum olacoides o Liriosma ovata" più conosciuta come MUIRA - PUAMA nella lingua locale, un alberello di pochi metri di altezza la cui resina ha forti proprietà stimolanti sul sistema nervoso e sulla libido sia maschile che femminile. Assieme alla Damiana la Muira Puama è alla base di molti preparati afrodisiaci anche nella medicina occidentale.La muira puama è un alberello altro da 2 a 4 metri che cresce particolarmente bene nel bacino del Rio delle Amazzoni e della quale gli indigeni masticano la corteccia  o fanno bollire insieme corteccia e radici ottenendo una potente bevanda che adoperano anche nei loro riti tribali. La muira puama contiene una resina con forti effetti stimolanti sul sistema nervoso centrale e sulla libido, in forti dosi può essere leggermente irritante per la mucosa gastrica.

Restando nel Sud America troviamo un ' altra pianta con riconosciute proprietà energetiche adoperata anche in casi di calo di prestazioni sessuali spesso  in abbinamento con altre piante più specifiche, questa pianta è il GUARANA' (paullinia cupana) di cui si adoperano in genere i semi torrefatti e macinati. Il Guaranà è molto adoperato anche da atleti professionisti e dilettanti per migliorare le proprie prestazioni sportive in quanto aumenta resistenza ed attenzione ma è controindicato alle persone molto nervose ed in forti dosi ostacola il sonno.

Se dall' America Latina passiamo all' Asia incontriamo tra le erbe con fama di afrodisiache il GINSENG (panax ginseng) originario della Cina ma la cui coltivazione si è estesa particolarmente in Corea tra le cui montagne ha trovato un habitat ideale. Gin seng in cinese vuol dire radice-uomo a causa della sua forma vagamente antropomorfica e da millenni in quelle regioni viene adoperato come tonico energetico ed afrodisiaco potente, Del ginseng si adopera la grossa radice carnosa  generalmente sotto forma di estratto in cui sono contenute delle saponine, i ginsenoidi, che appartengono alla famiglia dei fistosteroli. Anche se comunemente il ginseng viene adoperato come tonico ed antistress, in forti dosi si evidenzia una notevole attività energizzante sulla sfera sessuale e molti arzilli vecchietti cinesi dicono di dovere ad esso la loro persistente virilità anche in tarda età. Alle dosi comunemente utilizzate non esistono controindicazioni se non una certa ipereccitabilità.

Proprietà analoghe ma ancor più spiccatamente inerenti la sfera sessuale possiede la SUMA o ginseng brasiliano. Anche di questo si adopera la radice in cui come componenti attivi si trovano il sitosterolo ed il stigmasterolo due composti in grado di normalizzare in modo naturale i livelli ormonali sia nell' uomo che nella donna, recentemente è stato isolato anche un agente anabolico l' ecdysterone un fitosterolo intensamente studiato per la sua somiglianza all' alfa-ecdysone l' ormone deputato alla regolazione della muta negli animali.

La MACA infine, il cui nome scientifico è lepidium meyenii , è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle brassicacee. cresce spontaneamente in Perù a 3 - 4000 metri di altitudine e la sua coltivazione risale al 1600 a.C. Anche qui si adopera la radice le cui eccezionali proprietà nutrizionali erano già note agli Incas che la consideravano un dono degli dei. Con l' arrivo dei conquistadores spagnoli la maca fu conosciuta anche in Europa dove venne apprezzata particolarmente per il suo effetto positivo sulla fertilità e proprietà afrodisiache aumentando la libido e migliorando le prestazioni sessuali di entrambi i sessi.

Numerosissime altre sono le piante che vantano proprietà afrodisiache, ma noi ci fermiamo a queste che sono le più note ed apprezzate rinviando a testi specializzati per ulteriori approfondimenti.

LISTINO d' ERBE

 

Home page